Le cause delle vertigini

Vertigini da cause osteoarticolari

Una delle cause più comuni di vertigini è il colpo di frusta. Si tratta di un contraccolpo che la testa prende facendo un brusco movimento prima in avanti e poi all'indietro, proprio come una frusta quando schiocca, tipico di alcuni incidenti automobilistici.

Il movimento rapido della testa fa spostare l'endolinfa, il liquido che si trova nell'orecchio e che presiede all'equilibrio del corpo, causando giramenti di testa e vertigini. Talvolta, la conseguenza può essere più grave, si possono avere spostamenti o schiacciamenti di vertebre o contratture muscolari che vanno a comprimere i vasi sanguigni del labirinto nell'orecchio, provocando così vertigini a lungo termine.

Un'altra causa molto comune di vertigini è l'artrosi cervicale, provocata a sua volta da posizioni non corrette, traumi oppure da una inesistente o scarsa attività fisica. Come in alcuni casi del colpo di frusta, l'artrosi cervicale può causare la compressione delle arterie vertebrali semplicemente girando la testa di lato.

Vertigini da infezioni dell'orecchio

Quando le vertigini sono accompagnate da calo dell'udito, spesso la causa può nascondersi in un'infezione delle vie aeree che si estendono poi anche all'orecchio, o meglio al labirinto: è proprio questo l'organo che presiede all'equilibrio e, quindi, direttamente coinvolto nella comparsa di vertigini.

Sindrome di Menière e sindromi menieriformi

La sindrome di Menière è caratterizzata, per cause ancora sconosciute, da una produzione anormale di liquido (endolinfa) all'interno del labirinto membranoso. In un primissimo momento, si avverte un calo dell'udito, che diventa più accentuato e si accompagna ad acufeni e iniziali vertigini, fino ad arrivare a crisi sempre più violente tanto da far cadere a terra chi ne soffre. 

Vengono chiamate sindromi menieriformi, invece, quelle problematiche che somigliano alla sindrome di Menière, ma non sono così gravi, e che vengono scatenate da un caldo o un freddo molto intensi, da stress fisico o psicologico e perfino da depressione. Queste sindromi, con un meccanismo non ancora del tutto chiaro, provocherebbero un disturbo dei vasi sanguigni che arrivano al labirinto, soprattutto in persone predisposte. 

La sindrome di Meniére è una condizione con una notevole componente psicosomatica. Situazioni di stress, soprattutto in soggetti predisposti, che spesso infatti sono anche soggetti a disturbi di ansia e panico, sono spesso all'origine di riacutizzazioni dopo fasi di apparente benessere.

La vertigine parossistica posizionale benigna

E’ una delle cause più frequenti delle vertigini, cioè della sensazione improvvisa di capogiro e perdita dell’equilibrio. È caratterizzata da brevi episodi di capogiro di intensità media o forte, da incertezza nei movimenti, perdita dell’equilibrio, visione offuscata e connessa alla sensazione di avere le vertigini, nausea, vomito. I sintomi sono scatenati da particolari cambiamenti di posizione della testa, ad esempio rialzare e abbassare la testa e girarsi o mettersi a sedere dopo essere stati sdraiati. Si può avere il capogiro anche quando si sta in piedi o si cammina. La vertigine parossistica può essere un problema fastidioso ma che diventa grave solo in rari casi, cioè quando fa aumentare il rischio di cadute. 

Le cause sono varie e in larga parte ignote. Molto spesso sono dovute a idrope, traumi cranici, incidenti sportivi o di altro genere, forti stress prolungati, ereditarietà. La malattia non incide sul fisico minimamente, ma, frenando per un tempo abbastanza lungo la vita normale del paziente, può dare riscontri di natura psicologica, che potrebbero a loro volta rallentare di molto la guarigione. 

Contatti
Named S.p.A.
Via Lega Lombarda, 33
20855 Lesmo (MB)
Tel. +39 039 69 85 01
Fax +39 039 69 85 030
info@named.it
Legal notice
P.iva: 00908310964
Capitale sociale: 500.000,00 i.v.
Rea: 1224137
Privacy policy